Foto del Padule di Fucecchio vince il Ramsar Photo Contest; premiata una studentessa dell’ITAS di Pescia. Importante vetrina internazionale per l’area umida.


Una immagine del Padule di Fucecchio scattata da Francesca Negrini, studentessa  di 17 anni dell’Istituto Tecnico Agrario “D. Anzilotti” di Pescia, ha vinto il primo premio del photo contest organizzato dalla Segreteria della Convenzione Internazionale di Ramsar per celebrare la giornata mondiale delle zone umide.
Quest’anno l’evento collegato alla data del 2 febbraio consisteva in un concorso fotografico riservato a giovani di età compresa fra i 15 e i 24 anni, che dovevano ritrarre uno o più dei molteplici aspetti che fanno delle zone umide un pilastro del loro futuro, da cui il titolo del contest  “Wetlands for our future”.

L’iniziativa si inserisce in un’azione di educazione dei giovani rispetto alla necessità di conservare le zone umide, per i servizi ecosistemici che ci forniscono (depurazione dell’acqua, ricarica delle falde idriche, sicurezza idraulica del territorio, immagazzinamento di CO2 ecc. ) e per la grande ricchezza di biodiversità e di paesaggi di grande valore ricreativo.

Il Padule di Fucecchio è entrato a far parte delle zone umide di importanza internazionale nel novembre del 2013 e le attività di educazione e sensibilizzazione della popolazione rientrano fra gli obiettivi della Convenzione di Ramsar.
Grazie alla collaborazione ormai consolidata fra il Centro RDP Padule di Fucecchio e l’Istituto Tecnico Agrario “D. Anzilotti” di Pescia, gli studenti della classe 3B (articolazione Gestione dell’Ambiente e del Territorio) hanno visitato nel mese di febbraio il Centro Visite e la Riserva Naturale del Padule di Fucecchio.

Durante la visita e nei giorni successivi i giovani hanno scattato, sulla base della loro sensibilità e della consapevolezza acquisita sul tema, una serie di fotografie, alcune delle quali  sono state inviate, su sollecitazione del Centro  e dell’Istituto, al Ramsar Photo Contest.
Fra le 2200 foto pervenute da tutto il mondo, ne sono state scelte 100 in base al gradimento del pubblico, tramite una votazione on line, e fra queste una giuria di fotografi di fama internazionale ha ulteriormente.selezionato le 8 immagine finaliste, visibili su http://www.worldwetlandsday.org.

Alla fine l’ha spuntata proprio la fotografia del Padule di Fucecchio, risultata vincitrice a parimerito con una bella immagine ripresa da Helder Santana, ventritreenne brasiliano, in una palude vicina alla sua città natale di Passira.

Francesca Negrini ha vinto, usando le parole della giuria, con una “splendida immagine di pioppi che si riflettono in un canale del Padule di Fucecchio, nella Toscana settentrionale; visitando quest’area protetta palustre in una uscita scolastica per il World Wetlands Day, Francesca è stata capace di catturare la simmetria degli alberi e dell’acqua”.

Alla vincitrice spetta un premio importante, un passaggio aereo verso un’area umida a sua scelta nel mondo; Francesca ne approfitterà per coronare un suo sogno, quello di visitare le Everglades in Florida.

Oltre ai complimenti per il successo della giovane studentessa, il Centro RDP e  l’ITAS di Pescia esprimono grande soddisfazione per la visibilità internazionale che la vittoria nel photo contest garantirà all’area umida del Padule di Fucecchio.

admin

    Comments are closed.